Il Planisfero più grande del mondo è stato inaugurato a Corinaldo (AN)

L'opera anticipa la XII edizione della Settimana del Pianeta Terra che si terrà dal 6 al 13 ottobre 2024
18 Giugno 2024

Il Planisfero più grande al mondo è stato inaugurato pochi giorni fa a Corinaldo (AN).

Si sviluppa su 627 mq ed è realizzato utilizzando materiali compatibili come la ghiaia, il legno e il ferro.

L’obiettivo di questa opera straordinaria è realizzare qualcosa in grado di ricordare che questo è l’unico pianeta che abbiamo e per discutere dei temi attuali che lo riguardano.

PlanisferoRecord SPT

Il Planisfero Terrestre più grande al mondo

Il Planisfero, che è nato da un’idea del paleontologo Rodolfo Coccioni, ideatore con il geologo Silvio Seno del Festival scientifico nazionale delle Geoscienze, anticipa infatti la XII edizione della Settimana del Pianeta Terra, che si terrà dal 6 al 13 ottobre 2024 e la cui organizzazione entra nel vivo proprio in queste settimane.

Un Planisfero per ricordare che è solo una la Terra che abbiamo

Articolata in una serie di GeoEventi diffusi su tutto il territorio nazionale, nelle sue undici edizioni precedenti la manifestazione ha presentato oltre 1900 appuntamenti: trekking per scoprire le montagne e le loro rocce, visite in grotte e in siti archeologici, osservazione notturna di stelle e paesaggio…centinaia di geoeventi atti a spiegare e capire il delicato equilibrio su cui si basa la buona salute del nostro pianeta.

Le attività sono organizzate da università, scuole, enti locali e di ricerca, associazioni scientifiche e culturali, parchi, musei e anche privati cittadini appassionati di geoscienze e ambiente.

Ed è proprio la varietà di soggetti organizzatori che la manifestazione aggrega la cifra che meglio esprime la capacità del Festival di rivolgersi a un pubblico eterogeneo, presentando al pubblico il grandioso patrimonio geologico e naturalistico di cui l’Italia deve prendersi cura, anche attraverso la consapevolezza dei suoi abitanti.

Una società più informata è una società più coinvolta e capace di mobilitarsi davanti alle emergenze ambientali. Per questo la Settimana del Pianeta Terra ha scelto di portare le Geoscienze fuori dalle Università. E di lanciare ora le attività con il Planisfero inaugurato a Coriano.

Attraverso i geoeventi il festival propone un’occasione di turismo culturale e ambientale, che aiuti a comprendere quanto le Geoscienze siano indispensabili per la difesa degli equilibri del pianeta e quanto siano responsabili della bellezza paesaggistica che ci circonda.

Fino al prossimo 31 luglio, è possibile candidare GeoEventi organizzati in tutta Italia per essere inseriti nel programma ufficiale della XII Settimana del Pianeta Terra.

Tutte le informazioni per l’iscrizione sul sito www.settimanaterra.org

PlanisferoDrone Spt

Il Planisfero più grande al mondo – Foto credit: Marco Menichetti per la Settimana del Pianeta Terra.

I RESPONSABILI SCIENTIFICI DELLA SETTIMANA DELLA TERRA

Rodolfo Coccioni

Professore Onorario dell’Università di Urbino, geologo, paleontologo e saggista. Dal 2012 al 2015 Presidente della Società Paleontologica Italiana. Presidente dell’Associazione “Settimana del Pianeta Terra-APS” e Presidente onorario dell’Associazione Italiana di Geologia Medica. Direttore dell’Osservatorio Scientifico “Pianeta Terra”.

Socio fondatore dell’Associazione “Riconoscere la Bellezza” e membro del comitato organizzatore del Green Drop Award che alla Mostra del Cinema di Venezia assegna il riconoscimento al film che meglio interpreta i valori dell’ecologia e dello sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alla conservazione del pianeta. Da tre decenni si occupa di divulgazione scientifica e culturale nell’ambito delle Geoscienze.

Silvio Seno

Professore Ordinario di Geologia strutturale all’Università degli Studi di Pavia e Direttore dell’Istituto Scienze della Terra della Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana. È stato Presidente della Federazione Italiana di Scienze della Terra. La sua attività scientifica si è principalmente indirizzata alla riduzione dei rischi da pericoli naturali e su questo tema è stato responsabile di progetti di ricerca nazionali ed internazionali.

Da anni si occupa poi di divulgazione scientifica, dedicandosi soprattutto a valorizzare il patrimonio geologico e sensibilizzare sul tema della protezione delle risorse naturali: acqua, paesaggio, suolo. Ha ideato la Settimana del Pianeta Terra.